Soverato elezioni. Trombati, bidoni e carte false

Dettagli

All'inizio della campagna elettorale, in un documento pubblico, avevo previsto che a Soverato l'amministrazione comunale eletta, non sarebbe durata più di due anni. Non era una bufala né un gufaggio ma mi ero sbagliato clamorosamente. L'amministrazione di destra-centro+(Pd?), uscita vincente dalle urne pare che stia già vacillando pericolosamente. Pronta a cadere rumorosamente. Come un bidone vuoto.

 

Prima di prendere possesso completamente del Palazzo di città, prima che gli assessori si siano "assettati", prima di affrontare i problemi dell'estate e prima di tentare di sciogliere il nodo del dissesto.

Un primo scoglio politico pareva superato.

La clamorosa trombatura del segretario della locale sezione PD, aveva provocato sinistri scricchiolii già immediatamente dopo lo spoglio. Né erano valse le ipotesi ed i tentativi di metterci una pezza. Far dimettere qualcuno? Nominare assessore il trombato? Far finta di niente? Qualunque pezza, oltre a far risaltare lo squarcio, faceva comunque acqua da tutte le parti. I grandi strateghi riuniti in convegno urgente decisero che l'unica strada era una forte azione politica.

Il segretario ha perso? E' evidente che gli elettori hanno sbagliato.

Quindi:

1) Riconferma immediata del segretario bocciato dai cittadini.

2) Moltiplicazione dei pani e dei pesci. Pardon degli incarichi politici. Tutti coordinatori, segretari e comitati.

3) Defenestrazione di Rotondo.

E Rotondo un bravo giovane che c'entra? Niente! Ma ci sta sui…

La crisi pareva comunque superata ed il nuovo sindaco, giovane, simpatico e moderato che più moderato non si può, poteva dedicarsi a comporre la giunta.

Soverato è una cittadina da sciogno come direbbe il marito della nostra famosa concittadina Elisabetta. Sogniamo tutti. Giovani e vecchi e questo ci tiene in salute e ci fa sopportare le schifezze. Ma alcuni sognando si convincono. Ed è la convinzione che fotte la gente come dicevano gli antichi.

La gioventù è bella e aiuta a sognare. ed il giovane sindaco pure… Una giunta tutta di giovani verginelli, efficienti, entusiasti e mandare a casa i condizionamenti ed il pesante passato? Dopotutto non è un sindaco di sinistra?

Beh, la sinistra sarebbe un'altra cosa.

E la giunta nominata da Ernesto, pure.

Giovani e pimpanti più o meno tutti.

Verginelli e innocenti, solo alcuni.

Ma torniamo agli scricchiolii. Non c'è ancora niente di ufficiale e i giornali non hanno ancora scritto una riga.

Ma a Soverato (come del resto in Italia) le cose veramente importanti non appaiono subito sui giornali. Una cosa è magnificare e tessere lodi di un potentuccio, di un evento, di un negozio. Altra cosa è andare ad investigare cercare. Col rischio di trovare guai e irregolarità. La veramente misera retribuzione del pezzo scritto non ripagherà mai, verità o meno, l'odio di chi si sente danneggiato dalla pubblicazione della notizia. Meglio aspettare.

E anche gli addetti ai lavori tengono la bocca chiusa. Politici e funzionari. Top secret.

Ma è un secret di Pulcinella. La novella in ogni caso non è nuova per niente. Se ne parla da diversi giorni, in città dappertutto. Nei capannelli sul lungomare, nello struscio serale sul corso, nei pubs e nelle pizzeria con in mano un bicchiere di birra gelata. Si fanno pronostici, si ipotizza il tipo di ricorso, si fa la disamina degli aspetti tecnici e della dottrina.

Ma di che' ?

Praticamente in queste elezioni comunali qualcuno avrebbe fatto carte false. Inteso non come modo di dire ma tale e quale. Alcune accettazioni di candidatura proprio nella lista che ha vinto non sarebbero regolari. Alcune persone non sarebbero potute essere in un posto a firmare, mentre erano in un'altro posto a fare altre cose.

E così, a dare retta a quello che si dice in giro, anche questa legislatura se ne andrebbe a farsi fottere con il ritorno di un commissario e nuove elezioni.

Come si dice in questi casi, aspettiamo le indagini della magistratura. Speriamo che siano precise, esaurienti e veloci.

La città è stremata e non può e non deve sopportare a lungo il dubbio di avere una amministrazione nata da carte false. Speriamo che non sia vero. Sarebbe un disastro. E comunque un vero peccato. Non per i marpioni che stanno dietro al progetto essendo magari responsabili anche dello sfascio finanziario del comune, ma per i ragazzi che, innocenti, vi hanno creduto. Sarebbe veramente triste che la loro prima volta in politica sia stato l'incontro con il gatto e la volpe.

di Mimmo Loiero 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

   

Chi è Online  

Abbiamo 76 visitatori e nessun utente online

   

Leggi pure...  

   

Bacheca Eventi

Referendum NO TRIV

Assemblea organizzativa

Comprensorio di Soverato

Sabato 12 Marzo ore 18

Presso l'Acquario di Soverato

   

Bacheca Avvisi

   

Bacheca Cerca-Trova

   
© ADGRAPHISART