Immigrazione, razzismo e ciucci che volano

Dettagli

I comportamenti e le tesi di fascisti, leghisti e anche alcuni attivisti del M5S e diversi privati cittadini nei confronti del fenomeno immigrazione non solo sono razzisti ma, pur ammantandosi di un preteso realismo e senso pratico, sono, in realtà, ideologici e campati per aria.

Oppure sono effetto di stupidità. Di paure irrazionali. Produzione di gente fuori come un balcone, da ogni dato reale.

Dipingono l'Italia come unico paese al mondo in preda ai terribili buonisti rossi che favorirebbero l'immigrazione di delinquenti e drogati.

Disegnano (vedi Salvini) uno stato italiano che nega la casa e gli altri sussidi sociali agli italiani per darla ai clandestini.
Hanno slogan generici e manipolatori come: Prima gli Italiani, Ognuno a casa sua e altre simili amenità.
Dipingono gli immigrati (definiti tutti genericamente clandestini) come un popolo che sciala sbafando le risorse dei poveri italiani.
Salvini dice che abitano a nostre spese in alberghi a quattro stelle nella riviera toscana.
Capisco che cercare di ragionare con gente che dice o crede a questi argomenti da ku-klux-clan sia difficile, ma ci voglio provare elencando una serie di fatti.
1) I clandestini non sono prerogativa dell'Italia ma di tutti i paesi "sviluppati" che hanno frontiere con zone di guerra o di fame e sottosviluppo.
2) Proprio negli USA dove l'immigrazione è da sempre regolata da leggi e comportamenti burocratici efficienti e severissimi, c'è un grandissimo numero di clandestini (dalle frontiere del Messico).
In alcuni paesi, che vengono citati come virtuosi (Canada, Svizzera, Germania) ve ne sono di meno anche perché non ci si arriva con i barconi.
3) Attraversare il deserto e rischiare di restare ammazzati o rinchiusi nelle galere libiche e poi pagare per attraversare in barcone il mediterraneo con un'altissima percentuale di possibilità di finire in pasto ai pesci, arrivare in Italia, essere internati in un centro per mesi, scappare per finire in galera o a raccogliere pomodori con gli schiavisti pugliesi, siciliani o calabresi, pagare mazzette per non essere arrestati, per dormire, per mangiare non può essere definito uno scialo.
E' solo un legittimo desiderio di sopravvivere di un disperato di un morto di fame (detto con pietà e solidarietà e non per offesa).
E' l'odissea infernale che fa la maggior parte dei cosiddetti "clandestini" o meglio di quelli in attesa del permesso di soggiorno. Come è documentato da rapporti di polizia e della marina, commissioni parlamentari, inchieste giornalistiche.
4) Gli stranieri che ottengono casa, e sussidi dallo stato italiano sono, a tutti gli effetti, residenti, sul territorio nazionale da decenni. Vi lavorano, fanno figli per aumentare le statistiche della natalità, pagano tasse e contributi per finanziare le pensioni degli "italiani".
5) I rom, alcuni da secoli, altri da molti decenni, sono in tutto e per tutto cittadini italiani e come i terremotati del Belice solo dopo lunghi decenni, a volte, ottengono un trattamento più o meno umano.
6) I rifugiati politici e di guerra sono protetti da leggi internazionali da trattati e i soldi per campare in Italia, comunque, in gran parte, li paga l'Europa.
7) Tutto questo non toglie che tra i cosiddetti clandestini, e tra gli italianissimi Rom vi sia una più alta percentuale di persone che delinquono.
Basta un minimo di conoscenza dei fenomeni sociali, o un po' di buon senso per capire che, da sempre, le devianze sono più diffuse tra i poveri e gli emarginati.
Ma questo non autorizza nessuno in uno stato di diritto a fare spedizioni punitive per dargli fuoco.
Poi uno se vuole, può convincersi che gli asini volano e può andare appresso alle cazzate di chi teorizza che bisogna affondare con cannonate i barconi.
Di chi ha regalato a Gheddafi miliardi di euro per ammazzare i profughi senza distinzione prima che si imbarchino.
Come hanno fatto i governi (Berlusconi-Finio-Bossi) per convincersi e convincere gli Italiani che il problema era risolto.
Come si dice in Calabria "E' a cumbinzioni chi futta i genti" 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

   

Bacheca Eventi

Referendum NO TRIV

Assemblea organizzativa

Comprensorio di Soverato

Sabato 12 Marzo ore 18

Presso l'Acquario di Soverato

   

Bacheca Avvisi

   

Bacheca Cerca-Trova

   
© ADGRAPHISART