Un'altra Italia è possibile

Dettagli
Categoria principale: Archivio Politico Soveratese
Creato Sabato, 23 Giugno 2007 08:57
Pubblicato Martedì, 23 Novembre 2010 08:57
Visite: 1656

Lotta contro la corruzione e il degrado della politica
Per la rinascita di una democrazia vera
Per il ricambio e la mobilità delle classi dirigenti.

Proponiamo una mobilitazione dal basso con l'intento di:

  1. Regolare i tutti i conflitti di interesse nel senso che chi si candida a governare o amministrare la cosa pubblica deve risolverli prima.
  2. Stabilire che chi è stato condannato, anche solo in primo grado, per un reato che contempli come pena, anche solo accessoria, la prigione, non possa ricoprire cariche elettive né incarichi di governo e amministrativi a nessun livello.
  3. Abolire, puramente e semplicemente, con referendum il porcellum elettorale, ritornando alla legge precedente.
  4. Ridurre gli emolumenti massimi (comprensivi di ogni tipo di indennità) di ogni carica ed incarico elettivo e di ogni carica dello stato e quindi di ogni altro ente pubblico locale e nazionale a non più di cinque volte il salario medio.
  5. Vietare in maniera tassativa ad ogni persona di avere più di un incarico o carica pubblica soprattutto se alla carica viene associata una qualsivoglia remunerazione. Vietare comunque l’accumulo di remunerazioni pubbliche di ogni tipo (pensioni, indennità, stipendi etc.) quando tale accumulo risulti superiore a cinque volte lo stipendio medio di un lavoratore.
  6. Predisporre una legge sul finanziamento pubblico dei partiti che finanzi non le persone e gli apparati, ma l’attività politica (sezioni territoriali, manifestazioni politiche, pubblicazioni e propaganda) e stabilisca la pubblicità delle assemblee e delle liste degli iscritti e le elezioni primarie per ogni tipo di elezioni.
  7. Stabilire la imprescrivibilità dei reati relativi alla amministrazione pubblica (corruzione, abuso, collusione etc)
  8. Stabilire che nessuna carica pubblica o mandato possa essere detenuta dalla stessa persona per più di otto anni.
  9. Stabilire per legge la incompatibilità assoluta e ad ogni livello e per ogni ente tra le cariche di tipo legislativo di controllo e le cariche amministrative e di governo. E’ semplicemente assurdo che chi emana provvedimenti abbia la possibilità di votarseli e perfino di votare sul controllo del proprio operato.
  10. Promuovere la incompatibilità tra gli incarichi di governo ad ogni livello e la direzione di partito. Chi governa o amministra deve farlo nel nome di tutti e non nel nome della propria parte politica.

Un’Altra Italia

Pubblicato su Il calabrone Giugno 2007